3 suggerimenti per un e-mail marketing di successo.

L’E-Mail Marketing è MORTO!
Durante questi anni, lavorando a stretto contatto con Manager Aziendali e responsabili marketing, mi è capitato di assistere a dibattiti, talvolta anche duri, sulla efficacia dell’e-mail marketing.

Innanzitutto voglio spiegare, per chi è alle prime armi, il concetto di e-mail Marketing; si tratta, in effetti, di un tipo di marketing diretto, grazie al quale è possibile utilizzare la posta elettronica come mezzo per comunicare messaggi commerciali (e non) ad un determinato pubblico.

Sicuramente ti sarà capitato di imbatterti, consultando la tua casella di posta, in uno di quei messaggi finalizzati alla vendita di un prodotto/servizio.
Bene… questo è l’e-mail marketing!

Funziona? Per alcuni SI, per alcuni l’e-mail marketing è morto!

Molto sinceramente, pur rispettando l’idea di chi sostiene che l’e-mail marketing sia morto ritengo che, attualmente, risulta ancora essere tra i migliori strumenti pubblicitari, grazie al ridotto costo per la pianificazione di una campagna.

Stando infatti agli ultimi studi effettuati sull’efficacia di una campagna di e-mail marketing è emerso che tale strumento ha un ritorno, rispetto all’investimento, di circa 300%.

Si, proprio così.

E allora, come farlo funzionare?

Ecco le 3 cose che devi conoscere per avviare una campagna di e-mail marketing che davvero funzioni.

  • La data e l’orario di invio sono fondamentali.
    Scegli il miglior giorno e il miglior orario per spedire le tue comunicazioni. Che si tratti di comunicazioni commerciali (e non) il giorno e l’orario fanno la differenza.
    Inviare di Lunedì mattina, ad esempio, potrebbe rivelarsi un suicidio. Si rientra dopo un week end durante il quale la posta si legge meno, per cui rischi che la tua email finisca nel calderone delle e-mail cancellate. Discorso simile è il Venerdì in quanto, qualora il tuo interlocutore non dovesse leggerla per tempo, la tua e-mail finirebbe per essere ingoiata da tutta la comunicazione del week-end. E allora, quando inviarla?
    I migliori giorni sono quelli centrali e quindi Martedì, Mercoledi e Giovedì. E l’orario di invio? Preferibilmente mattina presto, prima delle 8 (orario in cui si inizia a lavorare) o subito dopo la pausa pranzo, fascia oraria 13.30 – 14.30. In ogni caso ti invito, per le prime campagne, adeffettuare dei test sul tuo target.
  • L’oggetto deve essere accattivante.
    Ciò che spinge l’utente ad aprire, o meno, la email, è l’oggetto. Un ‘oggetto accattivante, che attira la tua attenzione, è sicuramente un incentivo a volerne sapere di più sul contenuto della e-mail.
    Ti suggerisco, quindi, di scegliere con attenzione le parole da utilizzare ricordandoti che l’obiettivo dell’oggetto della tua e-mail è incuriosire il tuo pubblico senza dire troppo!
    Insomma… dici senza dire :).
    L’oggetto, inoltre, dovrà essere lungo non più di 65 caratteri evitando di utilizzare simboli, come ad esempio € o $, e emoticon. Rischeresti, diversamente, di finire nello SPAM
  • Call to Action
    Cosa dovrà fare il lettore dopo aver letto la tua email? Quale azioni ti aspetti che compia dopo aver letto il tuo messaggio? Comprare? Chiedere una Consulenza? Ricevere un Regalo?
    Qualunque essa sia, ricorda di essere chiaro e diretto. L’utente vuole e deve essere guidato.
    Utilizza un testo che attiri l’attenzione (serviti di strumenti di analisi del tuo target e di ciò a cui è realmente interessato come ad esempio Google Keyword Planner), chiaro e diretto, un carattere facilmente leggibile e soprattutto fai in modo che l’utente comprenda, immediatamente, un reale vantaggio per lui.
    Un carattere di impatto e una dimensione diversa dal corpo del messaggio, aumenteranno la visibilità.
Ricorda… i clienti vogliono essere guidati e vanno guidati!

Vincenzo Gengaro