Ecco perchè dire di “NO” ad una persona può farti star male!

Ti è mai capitato di dire “NO” all’invito ricevuto da una persona e dopo un attimo avvertire quel senso di vuoto, di amarezza o di dispiacere?

In questo post voglio condividere con te una mia riflessione su questo argomento, che è emerso proprio in occasione di una mia sessione di coaching durante la quale, un mio assistito, mi ha apertamente detto: “Vincenzo ho bisogno di dirti una cosa… ciò che mi fa star più male è dire NO. A volte quasi non ci riesco

In realtà la nostra vita vive di un equilibrio tra il nostro ruolo, i nostri valori e i nostri criteri, per cui quando uno di questi fattori non viene ben definito, viene a mancare quella consapevolezza necessaria a vivere con serenità la decisione presa.

Ognuno di noi, te compreso, ricopre nella propria vita una serie di ruoli, (figlio/a, nipote, padre o madre, zio/zia, imprenditore, impiegato/a, studente ma soprattutto il ruolo di “se stesso”) per ciascuno dei quali si sceglie di viverli attraverso una serie di valori (amore, passione, sincerità, altruismo, etc…) e manifestarli mediante precisi criteri, ossia quei comportamenti utili a vivere il valore o i valori scelti.

Il valore “amore”, ad esempio, può essere vissuto sia nel ruolo di genitore che nel ruolo di imprenditore. Nel primo caso uno dei criteri attraverso il quale si manifesta l'”Amore” è, ad esempio il rispetto di qualsiasi scelta fatta dai propri figli; nel secondo caso, invece, è la dedizione quotidiano allo sviluppo delle competenze dei propri collaboratori. Questo è solo un esempio di come un valore può essere vissuto in modo differente a seconda del ruolo che si sta vivendo.

Ora che hai ben chiaro quali sono i 3 elementi sui quali costruire la necessaria consapevolezza, per affrontare con serenità qualunque decisione, è fondamentale anzitutto che tu agisca su te stesso.

Il ruolo più importante che tu possa ricoprire, a prescindere da chi sei e cosa fai, è “te stesso”.

Capita sempre più spesso che si pensi poco alla propria persona, il tempo che si dedica a se stessi è sempre limitato o addirittura inesistente. Sembra quasi che non ci sia la possibilità e il tempo di ritagliarsi il proprio spazio: quando pensiamo di aver trovato il tempo per noi ecco che subito emerge una convinzione che per molti rappresenta davvero un grande limite: “Ritagliarsi del proprio tempo è una forma di egoismo!”

Ricorda che per rendere felici gli altri e far star bene le persone che ti circondano è necessario esser felici con se stessi!

A questo punto ti suggerisco di:

  • Definire i tuoi ruoli e Valori;
  • Scegliere, per ogni ruolo, il valore o i valori che intendi vivere e il loro relativo criterio.
  • Crearti dei macro obiettivi per singolo ruolo e agire. Rispondi alla domanda: “Cosa mi propongo di raggiungere o dove voglio arrivare?”

Ora che anche tu hai compreso l’importanza di questi 3 fattori (ruolo, valore e criterio) potrai vivere con estrema serenità e consapevolezza qualsiasi tua decisione.

Al tuo successo
Vincenzo

Vincenzo Gengaro